Le vite ineguali. Quanto vale un essere umano

2/08/2020 da

Come può la vita essere concepita nella sua duplice dimensione del vivente e del vissuto, della materia e dell’esperienza? A questa domanda la filosofia e, più recentemente, le scienze sociali hanno offerto ogni tipo di risposta, ora favorendo la dimensione biologica ora quella biografica. Ma è possibile conciliare e pensare insieme la lettura naturalista e quella umanista? Attraverso i risultati di una ricerca condotta in tre continenti, Didier Fassin analizza e articola tra di loro tre concetti: forme di vita, etiche della vita e politiche della vita. La scommessa è uscire dall’astrazione per tentare una verifica empirica e rivelare qualcosa di concreto, capace di interrogare le società contemporanee.
Dalla condizione dei nomadi forzati – che li si chiami rifugiati, migranti, richiedenti asilo o stranieri irregolari – al calcolo delle indennità per gli incidenti, che convertono la vita nel suo valore monetario, Fassin getta luce sulle modalità allarmanti che oggi regolano il trattamento degli esseri umani e dimostra così che non tutte le vite hanno lo stesso valore. Una volta assemblati i tasselli di questa composizione antropologica, come in un puzzle, appare un’immagine: quella inquietante delle vite ineguali. “Considerare la vita nella prospettiva della disuguaglianza offre allora una nuova intelligibilità del mondo sociale, ma anche nuove possibilità d’intervento. Permette infatti di passare dall’espressione di compassione al riconoscimento dell’ingiustizia.”

“La domanda che mi pongo non è: come viviamo? E neanche: come dovremmo vivere? Mi chiedo piuttosto quale valore attribuiamo alla vita come nozione astratta. E quale valutazione facciamo delle vite umane come realtà concrete.”
Oggi le vite umane non si equivalgono. Occuparsi della vita dal punto di vista della disuguaglianza è una necessità etica e politica.

 

Leggi la scheda del libro

Editore: Feltrinelli, MIlano

Autore: Didier Fassin

ISBN: 9788807105449

Pagine: 208

Anno di pubblicazione 2016

Articoli correlati

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *