Questioni di genere nel diritto: impliciti e crittotipi

12/11/2017 da

Questo volume affronta questioni di genere, legate cioè ai mutamenti intercorsi negli ultimi decenni nell’organizzazione sociale e simbolica della sessualità, della riproduzione e della parentela. Quando l’interprete giuridico è chiamato ad applicare norme relative a questioni di genere, la sua precomprensione ha un ruolo cruciale: nel passaggio ermeneutico può tradire una certa posizione ideologica permettendo, ancorché non consapevolmente, a frammenti della sua identità individuale di riaffiorare. Chiamato ad applicare regole giuridiche che attivano emozioni e istinti basilari, deve monitorare con rigore metodologico le tecniche di estrazione dell’implicito, per non inferire dal testo normativo significati che attingono al proprio vissuto personale o alle proprie convinzioni ideologiche, e che il testo “non dice”. I saggi raccolti chiariscono il senso implicito di alcuni enunciati normativi e illuminano le prassi argomentative che conducono a determinate scelte di policy o a decisioni giudiziarie. Analizzano l’attività del legislatore, dei giudici di merito e di legittimità, rivolgendo una particolare attenzione al ruolo di policy-maker del giudice costituzionale.

Le autrici, Lucia Morra e Barbara Pasa, hanno attivato presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’ateneo torinese un Seminario “Genere e Diritto” nel quale vengono insegnate tecniche per riconoscere crittotipi e impliciti che vivono negli interstizi del diritto applicato e praticato.

 

Leggi la scheda del libro

Editore: Giappichelli, Torino

A cura di Lucia Morra e Barbara Pasa

ISBN  978•88•3485883•7

ISBN Pdf 978•88•9215777•4

N. Pagine XII-236

Anno Pubbl. 2015

 

Articoli correlati

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *